21/07/16

Il Reiki per i malati di cancro: l'esperienza del Regno Unito

Il Cancer Research UK ente di beneficenza del Regno Unito fondato nel 2002 che si occupa di informazione e ricerca sul cancro, ha inserito nel proprio sito un'intera sezione dedicata all'utilizzo del Reiki con i pazienti oncologici. Ecco la traduzione e l'adattamento in italiano di come il Cancer Research UK presenta i benefici del Reiki per i malati di cancro ed i loro caregivers.

Che cosa è Reiki
Reiki è un'arte di guarigione che è stata sviluppata da Usui in Giappone nei primi anni del 20° secolo. Si pronuncia "rei chi". E' anche definita Guarigione Reiki, reiki con il Sistema Usui o  Tocco terapeutico.
La parola Reiki in giapponese significa energia universale. I sistemi di medicina orientale lavorano con questa tipo di energia che scorre attraverso tutti gli esseri viventi ed è vitale per il benessere. L'energia è nota come 'Ki' in Giappone, 'Chi' in Cina e 'prana' in India. Il Reiki non è una religione o credo ma è meglio descritto una come terapia complementare attraverso l'uso delle mani come strumento di guarigione. Un praticante di Reiki si propone di trasformare e equilibrare energeticamente la persona per aiutarla a livello fisico, psicologico, emotivo e spirituale.

Perché utilizzare il Reiki con le persone malate di cancro
Gli operatori Reiki affermano che è possibile aiutare alcune persone a rilassarsi profondamente, a far fronte a situazioni difficili, ad alleviare lo stress emotivo e la tensione, a migliorare il benessere generale.
Alcune persone malate di cancro dicono di sentirsi meglio dopo l'utilizzo di terapie come il Reiki. Alcuni studi dimostrano che questo è spesso dovuto al fatto che un operatore passa il tempo con la persona e la tocca. Dopo lo stress di ospedali e trattamenti, può essere molto rilassante ricevere attenzione da qualcuno per un'ora o più in un ambiente tranquillo. Il Reiki è talvolta usato nelle cure palliative, soprattutto con gli anziani.
Alcuni sostengono che il Reiki abbia contribuito a controllare gli effetti collaterali dei loro trattamenti contro il cancro, come ad esempio: dolore, ansia, disagio. Oppure che aiuti ad affrontare meglio la convivenza con il loro cancro ed il relativo trattamento.
Ma è importante tenere a mente che, mentre il Reiki può aiutare a far fronte con i sintomi o effetti collaterali, non è in grado di trattare il cancro. 

Reiki e cancro: la ricerca
Non ci sono prove scientifiche per dimostrare che il Reiki può prevenire, trattare o curare il cancro o qualsiasi altra malattia. Ma molti operatori sanitari accettano il Reiki come terapia complementare utile che può aiutare a ridurre lo stress, favorire il rilassamento ed, eventualmente, contribuire a ridurre alcuni tipi di dolore.
Nel 2008 i ricercatori britannici hanno condotto una revisione di 9 studi clinici randomizzati che hanno utilizzato il Reiki. 2 studi hanno evidenziato effetti benefici del Reiki nelle persone con depressione (un altro invece no); 1 studio ha evidenziato che il Reiki sembrava aiutare a ridurre il dolore e l'ansia;  2 altri studi sembrano dimostrare che il Reiki ed il Reiki a distanza abbia ridotto lo stress e la mancanza di speranza, 1 trial ha dimostrato che il Reiki non sembra ridurre l'ansia e la depressione nelle donne che hanno avuto una biopsia mammaria. I ricercatori hanno dichiarato che le prove erano insufficienti e che non vi è alcuna prova evidente che il Reiki sia un trattamento efficace per qualsiasi condizione.
Nel 2009 dei ricercatori canadesi hanno analizzato 12 studi e hanno trovato che 9 di essi dimostrano che il Reiki ha avuto significativi effetti utili, ma la qualità di 11 studi era scarsa.
Uno studio canadese del 2003 ha esaminato il ruolo del Reiki nel controllare il dolore nelle persone con cancro avanzato. Le persone hanno avuto una significativa riduzione del dolore dopo trattamento il Reiki ma lo studio era limitato ed aveva solo 20 pazienti.
Nel 2008 un'altra revisione ha esaminato 24 studi nei quali si utilizzava il tocco terapeutico nel trattamento del dolore (3 prove utilizzavano il Reiki). Nel complesso, la revisione ha evidenziato che le persone che avevano utilizzato il tocco terapeutico avevano meno dolore rispetto alle persone che non lo avevano ricevuto. Prove condotte da operatori con maggiore esperienza sembravano dare risultati migliori in termini di riduzione del dolore. Il Reiki ha evidenziato maggiori benefici rispetto ad altri tipi di terapia che utilizzano il tocco. I ricercatori della revisione del 2008 hanno suggerito poi di approfondire se professionisti più esperti o determinate terapie con il tocco danno migliori risultati per la riduzione del dolore. 2 studi su 5 studi hanno esaminano l'uso degli antidolorifici evidenziando che le terapie basate sul tocco abbassano il loro uso.
Qui trovate una recensione sulla terapia basata sul tocco nel sito della Cochrane Library.
Occorre fare studi clinici randomizzati più allargati per capire davvero quanto il Reiki può aiutare le persone con il cancro. Un trial clinico americano sta attualmente esaminando gli effetti del Reiki guarigione negli uomini con cancro alla prostata. È possibile visualizzare i dettagli dell'utilizzo del Reiki nel cancro alla prostata nel sito del Centro Nazionale americano medicina complementare e alternativa (NCCAM). 

Come ricevere il Reiki
Nel primo appuntamento l'operatore Reiki vi chiederà informazioni sulla vostra salute generale e la vostra storia medica. Potrà anche chiedervi il perché desiderate ricevere il Reiki e discuterà con voi un eventuale piano di trattamento.
Durante un trattamento di Reiki non c'è bisogno di spogliarsi, ma di solito ci si toglie le scarpe ed il cappotto e si sta seduti o sdraiati. Si possono avere gli occhi aperti o chiusi. L'operatore Reiki può abbassare le luci o riprodurre musica rilassante. Le mani dell'operatore verranno posizionate sul vostro corpo (o a poca distanza da esso) e si sposteranno di solito a partire dalla testa fino ad arrivare ai piedi. Il tocco potrà anche concentrarsi su particolari aree del corpo.
L'operatore Reiki si propone di ri-equilibrare l'energia all'interno ed intorno al vostro corpo eliminando eventuali blocchi energetici per favorire la l'autoguarigione fisica e rafforzare la vostra energia.
Durante la sessione si può sentire una sensazione di formicolio, di profondo rilassamento, o il calore/freddo in tutto il corpo. Se non si avverte nulla questo non significa che il trattamento non sta funzionando. È possibile interrompere il trattamento in qualsiasi momento.
Una seduta dura tra 20 minuti e un'ora. Molti operatori sostengono che si ottengono i migliori risultati con un minimo di 3 sedute in un lasso di tempo breve (per poi prendersi una pausa prima di proseguire con le sessioni).
Dopo una sessione di Reiki si può sentire il bisogno di bere. Può aiutare bere molta acqua ed evitare forti bevande a base di caffeina, come il caffè. Ci si può sentire profondamente rilassati ed un adeguato riposo a casa dopo il trattamento può aiutare a ottenere il massimo beneficio dalla sessione di Reiki.
Il Reiki può essere inviato a distanza. Un operatore adeguatamente formato, pur stando altrove, è in grado di utilizzare tecniche per far arrivare l'energia Reiki alla persona in casa propria.
Se non ci si sente a proprio agio con qualsiasi dei precedenti aspetti del Reiki, è importante discuterne con il proprio operatore. 

Gli effetti collaterali del Reiki
In generale, il Reiki è una tecnica sicura per la maggior parte delle persone malate di cancro. La maggior parte degli operatori vi consiglierà di riposare e bere molta acqua dopo il trattamento. Non ci sono segnalazioni di effetti collaterali dannosi. Detto questo è comunque importante informare il vostro medico rispetto a qualsiasi terapia complementare voi decidiate di utilizzare dato che lui possiede il quadro completo della vostra malattia e terapia. 

Il costo dei trattamenti Reiki
Alcuni centri oncologici e ospedali del Regno Unito offrono ai loro pazienti trattamenti di Reiki gratuiti o a basso costo. Chiedi al tuo infermiere o al medico se questa è una possibile opzione del centro dove ti stai curando. In caso contrario, possono essere in grado di indirizzarvi ad organizzazioni vicine o gruppi di sostegno che forniscono terapie complementari.
I trattamenti privati di Reiki di solito hanno un costo tra le 15 sterline (circa 20€) e le 100 sterline (132€) all'ora. I trattamenti possono essere più costosi nelle città più grandi. 

Trovare un operatore Reiki
Non esiste una legge che regolamenti le qualifiche specifiche che un operatore Reiki deve avere. Ma è fondamentale che la persona che offre i trattamenti di Reiki sia adeguatamente formata.
Ci sono 3 diversi livelli di pratica Reiki: è auspicabile che chi tratta gli altri abbia almeno il Livello 2 e sia registrato presso il Consiglio Sanità complementare e naturale (CNHC) come un operatore.
La maggior parte degli operatori Reiki appartengono a scuole ed associazioni di Reiki. Il modo migliore per trovare un operatore esperto nella vostra zona è quello di guardare sul sito della federazione del Regno Unito Reiki Federazione per un elenco di professionisti per regione.
Contatta uno o più degli operatori per chiedere loro: Qual è il livello di Reiki qualificazione e formazione hai?, Quante ore di formazione hai avuto?, Hai lavorato con malati di cancro prima?, Quali sono i costi?. Se si contatta un professionista che non è negli elenchi allora avete bisogno di chiedere anche se è un membro di un associazione professionale per il Reiki, quanto tempo ha praticato Reiki e se ha un'assicurazione per la responsabilità civile.

Ecco le organizzazioni che è possibile contattare nel Regno Unito:
UK Reiki Federation
The Reiki Guild
The Reiki Council
Complementary and Natural Healthcare Council (CNHC)
The Federation of Holistic Therapists (FHT)

Nessun commento:

Posta un commento