02/01/17

Fare Reiki al 7° Chakra (Sahasrara)

Fermo restando che il Reiki va dove serve, inviare l'energia a specifiche zone del corpo corrispondenti a specifici centri energetici (Chakra) può essere molto utile.
Il chakra della Corona (Io so) è legato all’energia cosmica e lo scopo evolutivo della sua attività è l’assimilazione della conoscenza, lo sviluppo della saggezza. Esso fonda l’identità universale e produce la capacità di trascendere, i sistemi di pensiero, l’immanenza, l’unione con il Tutto. E' situato al centro della sommità del capo. Quando questo chakra è ben sviluppato ti senti costantemente connesso ad un potere superiore da cui ti senti protetto e provi un grande senso di gratitudine ed amore incondizionato verso tutte le creature viventi. Le persone intorno a te ti percepiscono e descrivono come un essere vibrante, costantemente connesso e presente.

Si sviluppa in età adulta. Quel minimo grado necessario per garantire un funzionamento basilare della capacità di conoscere davvero se stessi si evolve in tutti ma solo negli individui che decidono di intraprendere un percorso di evoluzione personale e spirituale può espandersi e realizzare tutto il suo potenziale.
Questo chakra esprime il diritto di conoscere ed imparare la verità trascendente, quella che si cela al di là della materialità.
Un chakra della corona ben funzionante genera una persona capace di assimilare sapienza per poi giungere a maturare saggezza. Determina apertura mentale, capacità di argomentare, analizzare, mettere in discussione.
La spiritualità viene esperita in un modo tutto personale, non legata a religioni o a rigidi dogmi ma piuttosto una trascendenza della realtà terrena nell’Infinito che crea un senso di interezza, di pace e fiducia, facendo comprendere lo scopo della propria esistenza.
La persona percepisce l’Amore cosmico, gli schemi di causa-effetto che determinano quanto sperimenta. Comprende di avere una Missione Spirituale da adempiere.
Questa situazione ideale può essere difficile da conquistare, soprattutto a causa di una educazione che porta l’individuo a rifiutare una visione spirituale serena della vita e lo induce a porre la sua attenzione solamente sugli aspetti materiali, pratici e fisici dell’esistenza.
E’ quindi chiaro come l’atteggiamento più nocivo per questo chakra sia l’attaccamento alla dimensione materiale dell'esistenza.
In questi casi il 7° chakra si chiude parzialmente ma non può serrarsi del tutto, altrimenti la persona cadrebbe in coma. Questo individuo è molto attaccato a cose e persone, gli unici valori della sua vita. Essendo scollegato dal suo Sé Superiore, non ne riceve intuizioni o suggerimenti favorevoli per la sua vita e le sue decisioni. Sperimenta raramente un “sentimento cosmico”, un’appartenenza con il Tutto. Teme la morte, evento che conduce alla perdita di ciò che gli è caro, che conduce al nulla. Nega e sminuisce il valore della spiritualità e di tutto ciò che non può essere provato scientificamente. Può cadere in situazioni apatiche e depressive o soffrire di iperattività la cui profonda motivazione è quella di vivere “tutto più sia possibile”, prima della morte, evento che azzera tutto. Mostra confusione, rigidità e chiusura mentale. Soffre di preoccupazioni, ansie e angosce.
Le parti del corpo collegate al chakra della corona sono la sommità del capo e l’intero encefalo.
Il sistema fisico associato è il sistema nervoso, considerato nella sua interezza.
La ghiandola endocrina collegata al 7° chakra è la pineale.
Le disfunzioni fisiche generate dallo squilibrio del chakra della corona sono: problemi al cuoio capelluto e di crescita dei capelli (alopecia e calvizie), cefalee ed emicranie avvertite nella parte superiore del cervello, sensazione di pressione cranica, disordini del sonno, disordini mentali, tumori cerebrali, coma.

Vuoi applicare Trattamenti Reiki al Settimo Chakra? Contattami.



Nessun commento:

Posta un commento