30/08/16

Il Reiki durante la chemioterapia

"Un nostro recente studio ha dimostrato che il Reiki induce il rilassamento, diminuendo l'ansia, lo stress e la percezione del dolore del paziente". Ecco le parole di Jun Mao Direttore del Integrative Oncology Initiative presso l'Abramson Cancer Center. Joan Pouch lo può confermare visto che ha ricevuto una sessione di Reiki durante il trattamento chemio a cui è stata sottoposta in seguito al cancro al seno (Stadio3). "Mi ha dato un senso di rilassamento - un'incredibile bilanciamento, sia mentalmente che fisicamente", ha detto. Queste sessioni l'hanno così aiutata che lei stessa è diventata una praticante Reiki e ora aiuta come operatrice ogni martedì i malati di cancro del Centro all'interno di un programma di volontariato. "E 'un'esperienza unica, perché posso apprezzare entrambi i ruoli (paziente ed operatore)."

Il Reiki è un'attività della Medicina Integrativa e del Programma Benessere presso l'Abramson Cancer Center, insieme anche all'agopuntura, la riduzione dello stress basato sulla mindfulness, lo yoga ed i massaggi. La ricerca fa parte del programma di medicina integrativa, contribuendo a definire le pratiche più efficaci per questi tipi di terapie e determinare per quali pazienti e per quali tipi di sintomi possono essere più appropriate.
Il Reiki è a disposizione di tutti i pazienti in trattamento del centro.
Dal momento che il programma è iniziato nel 2009, i suoi praticanti volontari hanno consegnato quasi 6.500 sessioni. Essi sono forniti gratuitamente, cinque giorni alla settimana, di solito in sessioni di 20 minuti.
Il Reiki non è in concorrenza il regolare trattamento dei pazienti e non lo sostituisce, ma può aiutare ad affrontarlo al meglio.
Molti dei pazienti di Joan - spesso in uno stato di ansia - cade addormentato durante la sessione di Reiki. "Posso sentire tutto il corpo del paziente che si rilassa. Il Reiki porta equilibrio e concentrazione".
"Il Reiki di per sé non cura il cancro, ma può essere utile portare a una migliore efficacia dei trattamenti convenzionali ed a promuovere migliori risultati clinici", ha aggiunto il dott. Mao.
Vince Gilhool, anche lui un ex malato di cancro e volontario afferma:
"Praticare Reiki è una delle migliori decisioni che abbia mai preso. Le parole non possono descrivere come mi sento". Gilhool,  ha ricordato un paziente in particolare, un ragazzo di 23 anni che aveva una forma molto aggressiva di cancro. "Nel suo primo giorno di chemio ho iniziato la sessione di Reiki, l'infermiera ha spiegato quello che stavo facendo alla madre presente ed alla fine della sessione, il paziente dormiva. La madre piangeva di gioia e sollievo". 


I feedback dei pazienti (dati direttamente agli operatori o scritti nel modulo di feedback dopo il Reiki) sono molto gratificanti e dimostrano quanto aiuta:
  • Questa è stata la prima volta da mesi che mi sono sentito a mio agio e rilassato. Sentivo la mia tensione galleggiare.
  • Grazie mille per avermi fornito questo servizio. Ho piena fiducia nell'operatore e questo ha aiutato il mio stato emotivo.
  • Ho apprezzato molto l'intera esperienza per avermi dato la calma e l'energia di cui ho bisogno di affrontare questa malattia.
  • Le sessioni di Reiki hanno rappresentato una componente positiva edurante il delicato processo della radioterapia. Il Reiki mi ha dato qualcosa sul piano fisico, emotivo e spirituale.

Kim Fleisher, il Master Reiki che guida il programma di volontariato, afferma che il feedback dei pazienti è positivo nel 99% dei casi. "Alcune delle infermiere sostengono che le sessioni di Reiki sembrano contribuire a migliorare la pressione sanguigna e ad aiutare i pazienti a rilassarsi, in particolare quelli che ricevono il loro primo trattamento," dice. "L'unico problema è che la gente vuole sessioni più lunghe ... e più numerose."

Fonte dell'articolo (gennaio 2014): Penn Medicine  




Nessun commento:

Posta un commento