12/09/17

Il Reiki per le persone colpite da ictus

Ogni anno, 15 milioni di persone nel mondo sono colpite da ictus. Di questi, sei milioni muoiono e altri cinque milioni rimangono con una disabilità permanente. L'ictus è la seconda causa di disabilità, dopo la demenza. Disabilità può includere perdita di visione e/o parola, paralisi e confusione. L'ictus è la seconda causa di morte sopra i 60 anni e la quinta causa di morte nelle persone di età compresa tra i 15 ei 59 anni.  Insomma, un bel problema..... E il Reiki cosa può fare?


Il Reiki per il processo di riabilitazione
Quando un ictus non comporta la morte del paziente può comunque portare ad una serie di altre complicazioni, compresa la paralisi, la perdita di competenze e la disabilità a lungo termine. Chi sperimenta un ictus spesso necessita di servizi riabilitativi, come la fisioterapia e la logopedia per recuperare le capacità perdute. Durante questo periodo di recupero, l'aggiunta di Reiki ai trattamenti standard può migliorare i risultati dei pazienti e fornire una serie di altri vantaggi.

La riduzione dell'ansia e dello stress
Dopo un ictus le persone spesso si sentono sopraffatte e ansiose. Non solo si preoccupano della possibile comparsa di un altro ictus futuro, ma si sentono anche stressate mentre affrontano mesi o anche anni di recupero. Il Reiki può ridurre questi sentimenti negativi permettendo alla persona di rilassarsi e concentrare la propria energia sul processo di recupero. 

Migliore equilibrio di mente ed emozioni 
I pazienti con ictus possono vivere forti emozioni durante il recupero, sia a causa del trauma che hanno vissuto, ma anche per i danni subiti dal cervello. Trattamenti regolari di Reiki possono aiutare a bilanciare le emozioni del paziente e ridurre gli sbalzi d'umore. 

Un recupero più veloce e completo
Il Reiki migliora il funzionamento del sistema immunitario e la capacità naturale di guarire. Questo può accelerare la guarigione di un paziente colpito da ictus e migliorare l'efficacia di altri trattamenti, come la fisioterapia.

Diminuzione del dolore 
La riabilitazione e la fisioterapia può essere dolorosa per i pazienti colpiti da ictus. I muscoli possono diventare dolenti e stanchi provocando nei pazienti la sensazione di scoraggiamento. Il Reiki può aiutare a ridurre il dolore provato rilassandolo e aumentando la possibilità che segua le istruzioni del fisioterapista. 

Ma il Reiki è sicuro per i pazienti con ictus?
Il Reiki è un trattamento non invasivo che non comporta alcuna manipolazione dei tessuti, pressione sul corpo del cliente o utilizzo di attrezzatur. Proprio perchè può essere utilizzato solo con un tocco leggero o anche nessun contatto fisico, il Reiki è generalmente considerato sicuro per pazienti con ictus, anche immediatamente dopo il verificarsi dell'evento. Tuttavia è auspicabile che i pazienti con ictus parlino con il loro medico prima di iniziare trattamenti Reiki (come fanno per qualsiasi altra cosa inseriscano magari nel loro stile di vita).

Storie di pazienti 
Non ci sono molti studi che esplorano il rapporto tra Reiki e recupero dei pazienti con ictus. Uno studio pilota non ha evidenziato risultati significativi. Tuttavia, molti pazienti colpiti da ictus che hanno ricevuto sessioni di Reiki hanno invece riferito di aver trovato il trattamento molto utile. Per esempio, un paziente con ictus ha riferito che, dopo un ictus che l'ha lasciato paralizzato sul lato sinistro del corpo, con un solo trattamento di Reiki ricevuto in ospedale, è riuscito a muovere le dita della sua mano sinistra per la prima volta. Il paziente è rimasto talmente colpito dai risultati del trattamento che ha proseguito con le sessioni di Reiki anche dopo il ritorno a casa. Sostiene che queste sessioni, insieme con la riabilitazione tradizionale, gli hanno portato un recupero fisico completo. Un altro paziente con ictus ha riferito che il Reiki è stato un utile complemento al suo regime di trattamento anche anni dopo l'episodio. Prima di iniziare le sessioni di Reiki il paziente aveva partecipato a molti altri tipi di terapia, ma non si era mai completamente ripreso dagli effetti dell'ictus. Dopo aver partecipato a poche sedute di Reiki, il paziente ha riferito di sentirsi più equilibrato, eccitato e coordinato di quanto avesse mai fatto da quando si era verificato l'evento. 

Reiki e la prevenzione  dell'ictus
Oltre ad aiutare i pazienti con ictus a recuperare, il Reiki può anche essere utile nella prevenzione di ictus tra le persone che sono ad alto rischio di sviluppare coaguli di sangue. I coaguli di sangue che causano l'ictus hanno maggiori probabilità di verificarsi tra i pazienti con malattie cardiache, colesterolo alto o diabete. Proprio perché il Reiki promuove la capacità del corpo di guarire se stesso, può essere di aiuto nel trattamento di alcune delle condizioni che possono portare ad un ictus. Inoltre, poiché la pressione alta è un altro noto fattore di rischio per l'ictus, il Reiki può anche aiutare a prevenire questa condizione, riducendo i livelli di stress e abbassando la pressione sanguigna.

 

Nessun commento:

Posta un commento