18/12/16

Fare Reiki al 3° Chakra (Manipura)

Fermo restando che il Reiki va dove serve, inviare l'energia a specifiche zone del corpo corrispondenti a specifici centri energetici (Chakra) può essere molto utile.
Il chakra dell’Ombelico o del Plesso Solare (Io voglio - Io faccio) è legato all’energia del FUOCO e lo scopo della sua attività è la TRASFORMAZIONE; produce energia volitiva, volontà, autostima e potere personale. Esso fonda l’identità dell’EGO e permette l’auto-identificazione.
Si sviluppa dai 4/6 anni fino al termine dell’infanzia, verso i 10/12 anni e permette di conquistare la propria indipendenza ed a realizzare la separazione emotiva dai genitori. Ne esprime il diritto di agire e di essere un individuo autonomo.


Un chakra dell’ombelico ben funzionante rende l’individuo auto-motivato e responsabile nella costruzione di ciò che ricerca. Aiuta a costruire notevoli capacità analitiche nonché decisionali, una potente forza di volontà ed una buona immagine di sé (autostima). Rende l'individuo affidabile, disciplinato, capace di accettare le sfide, difficilmente influenzabile e trascinabile in situazioni che non approva perché sa discernere tra i suoi pensieri/obiettivi e quelli degli altri. Un 3° chakra ben sviluppato ci aiuta ad avere il proprio posto nell’universo e ad occuparlo con diritto.
Questa situazione ideale può essere difficile da conquistare a causa di eventi traumatici (fisici od emotivi), verificatesi nel periodo di maturazione del 3° chakra: comportamenti autoritari eccessivi da parte dei genitori, carico di responsabilità sproporzionate all’età, domino della propria volontà.
L’evento peggiore per il corretto sviluppo di questo chakra è un subire forti attacchi all’autostima. Un ambiente familiare caratterizzato da autoritarismo, critiche continue, privazione della possibilità di poter scegliere per sé (con conseguente convinzione di non essere capace a gestire l’autonomia e danno all’autostima), crudeltà mentale e/o fisica, insensibilità verso le proprie scelte, punizioni ingiuste o non comprese.
In questo caso una volta cresciuta la persona presenta scarsa energia mentale, poca volontà di affermare se stesso, bassa autostima, atteggiamenti vittimistici e possibile attrazione per le sostanze stimolanti. E’ instabile, soggetta ad alti e bassi e risente dell’influsso di energie esterne che la confondono ed influenzano, finendo per prendere decisioni non coerenti con le finalità superiori della propria esistenza. Se il chakra è completamente in disequilibrio, la persona non avverte assolutamente il senso della propria unicità nell’universo. Non avendo sviluppato indipendenza ed autonomia, cerca sempre a qualcuno al quale appoggiarsi, al quale chiedere di prendere le decisioni al posto proprio. Da notare come, all’opposto, un eccesso di attività del chakra dell’ombelico genera comportamenti aggressivi e dominatori, manipolativi. La persona diventa arrogante, ostinata, competitiva ed assetata di potere.
Le parti del corpo collegate al chakra dell’ombelico sono il fegato, la cistifellea, lo stomaco, la milza, la pelle e gli occhi.
I sistemi fisici associati sono: sistema digestivo, sistema nervoso, sistema muscolare, sistema endocrino nel suo complesso.
La ghiandola endocrina collegata al 3° chakra è il pancreas.
Le disfunzioni fisiche che possono essere generate dalla mancanza di equilibrio del chakra dell’ombelico sono diabete, necrosi renale, epatiti, ulcere, disturbi al sistema nervoso, debolezza del sistema immunitari.

Vuoi applicare Trattamenti Reiki al Terzo Chakra? Contattami.



Nessun commento:

Posta un commento